Il rilancio passa da un ponte!? Lo strano caso della strada delle Valche

Alle ore 17-00 di venerdì 10 maggio, come tutti i Matelicesi sapranno è stata inaugurata la variante “Strada delle Valche”. Tra le figure istituzionali che hanno presenziato all’evento era presente (non sappiamo se su invito o di sua iniziativa) il vice presidente del consiglio regionale Paola Giorgi.

Riprendiamo e riportiamo le sue parole riguardo questa opera direttamente dal sito della regione che pubblica un comunicato stampa surreale:

“un progetto che consentirà l’insediamento di nuove imprese”; “una viabilità più sicura per i cittadini e soprattutto un’infrastruttura che inciderà favorevolmente sulla logistica della zona industriale”; “quest’opera è quindi più che mai necessaria per concretizzare un progetto, fortemente voluto dal Presidente Spacca, che intende essere una valida risposta al grave momento di crisi che attraversa questo nostro territorio”.

Leggendo le affermazioni sopra riportate viene automatico – per chi conosce ed ha percorso l’opera – porre alcune domande: Quali sarebbero le evoluzioni logistiche per le aziende locali? Quali sarebbero i motivi per i quali un imprenditore oggi dovrebbe venir ad investire a Matelica in relazione alla strada delle valche? Quali sono i vantaggi di questa strada sul tessuto industriale locale? Sarebbe interessante ricevere una risposta dettagliata perché per quanto ci siamo sforzati di individuare i vantaggi tanto decantati, siamo riusciti solo ad individuare le preoccupanti implicazioni sullo stato del bilancio del nostro comune.

Le piccole medie imprese locali sono schiacciate da una crisi economica che contrae i fatturati, aumenta i costi e riduce le marginalità. Lo stato (che la Giorgi è venuta a rappresentare) continua a mungerle tassandole avidamente e illudendosi di potersi approvvigionare all’infinito. Per dare  impulso all’economia locale e rispondere alla crisi, ci vuole ben altro che “la strada delle Valche”. Spendere 3 milioni di euro a Matelica o 90 milioni per la pedemontana Fabriano-Matelica illudendosi che possano avere risvolti positivi sull’economia locale – nel 2013 – sono a nostro avviso scelte totalmente sbagliate.

Considerando che oggi, al netto del “grande” taglio fatto dalla regione in febbraio (delibera 941 del 26/02/2013 Rideterminazione del trattamento economico dei consiglieri e dei componenti della giunta regionale L.R. 21/12/2012, n 46), la Giorgi dovrebbe percepire mensilmente 6600 euro di indennità di carica, 2200 euro di indennità di funzione, 3000 euro di rimborso spese più altri 900 euro di rimborso kilometrico, non ce ne voglia ma da una carica istituzionale di questo spessore crediamo sia lecito aspettarsi altro. Abbiamo bisogno di idee più originali. Presenziare alle inaugurazioni (di un opera peraltro incompiuta rispetto ai progetti iniziali) e tagliare nastri dava prestigio negli anni 70/80, oggi è patetico!

Questa voce è stata pubblicata in Comunicati Stampa, News e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink. da Matelica 5 Stelle

5 risposte a Il rilancio passa da un ponte!? Lo strano caso della strada delle Valche

  1. paola giorgi scrive:

    Premesso che ho preso parte alla iniziativa in rappresentanza del Presidente Spacca, dietro sua delega e pertanto in veste istituzionale, mi permetto di consigliarvi alcune buone pratiche: 1) informatevi prima di parlare relativamente a stipendi, indennità e quanto altro perché ciò che leggo non corrisponde nemmeno lontanamente alla verità; 2) andate a visionare il bel sito dell’ Assemblea Legislativa delle Marche http://www.assemblea.marche.it , troverete in bella mostra le attività svolte dalla consigliera Giorgi, nonché tutti gli interventi in aula relativi alle molteplici attività svolte ( li ricavate dai resoconti delle sedute del consiglio regionale) 3) oltre a tagliare i nastri, purtoppo pochi in verità, mi sono dedicata a trovare fondi per le borse di studio alla facoltà di veterinaria, affinché la medesima acquisisse il riconoscimento europeo e nascesse l’ospedale veterinario h 24, mi sono dedicata a trovare 40mila euro per il restauro delle mura cittadine, e infinite altre cose che per ragione di spazio non sto qui a citare. Potete chiedere informazioni a chi si occupa di dislessia, a chi si occupa di Folklore, a chi si occupa di ciclismo, a chi si occupa di sport tradizionali, insomma chiedete a chi vi pare, oppure…leggete le lettere che, educatamente, invio ai cittadini per tenerli informati sul mio lavoro. Scusate, vado a letto, domani devo lavorare anche per Matelica! Buonanotte!

  2. Matelica 5 Stelle scrive:

    Gentilissima Paola Giorgi,
    non mettiamo certo in discussione il suo operato generale in qualità di consigliere regionale. Con il post in oggetto non siamo entrati nel merito del suo lavoro quotidiano che, riteniamo, lei svolga con il massimo impegno al pari di tutte le persone diligenti che quotidianamente si recano a lavoro e vengono per questo retribuite.
    In realtà ci siamo concentrati su un aspetto molto particolare legato al nostro contesto locale, di cui molto si è parlato e di cui, riteniamo, molto si parlerà. Le dichiarazioni che Lei ha rilasciato e che abbiamo avuto modo di leggere nel sito istituzionale della Regione ci hanno destato qualche perplessità. Gli interrogativi che Le abbiamo posto sono finalizzati a comprendere le motivazioni secondo le quali, a parer Suo, l’opera che ha inaugurato debba incrementare l’attività produttiva del territorio matelicese. Interrogativi per i quali sarebbe gradita una risposta.
    Relativamente ai compensi da Lei percepiti in qualità di consigliere regionale, gli stessi sono stati desunti dal sito della Regione Marche.

    Cordialmente,
    Movimento 5 Stelle Matelica

  3. Leonardo Mori scrive:

    I dati relativi alla sua indennità di carica, di funzione etc. sono stati presi dal sito della regione, non ce li siamo inventati. Questo il link: http://www.consiglio.marche.it/organizzazione/941.pdf
    (delibera 941; seduta n° 114; data 26 febbraio 2013; pagina 2; oggetto: rideterminazione del trattamento economico dei consiglieri e dei componenti della giunta regionale).
    Prima di parlare o scrivere ci informiamo! Lei ha fatto altrettanto riguardo le dichiarazioni espresse in merito alla strada delle Valche?

  4. Matelica 5 Stelle scrive:

    Alla data odierna, purtroppo, ancora nessun chiarimento è giunto dal Sig.ra Paola Giorgi.
    Ce ne rammarichiamo profondamente: dai cittadini, dagli elettori, dai contribuenti possono arrivare anche critiche e richieste di chiarimento.
    E’ dal confronto che, almeno secondo noi, nasce e si sviluppa la buona politica.

  5. Ma veramente stiamo parlando di quella strada che si imbocca vicino alla rotatoria di Regina Pacis? E bisogna domandarsi se veramente quella misera, contorta, scomoda e inutile stradella “consentirà l’insediamento di nuove imprese”, “inciderà favorevolmente sulla logistica della zona industriale”.
    Per favore, ma l’avete mai percorsa?
    E’ un percorso utile solo se ci si trova in piazza e si vuole arrivare appunto nella zona da Regina Pacis verso Esanatoglia. E non vi è alcun dubbio che passando per la strada tradizionale si faccia prima, specialmente con un mezzo più grandi di una Panda.
    I mezzi commerciali non riescono nemmeno a passare attraverso la strettoia…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>