Buongiorno, Italia!

risultati amministrative e provinciali marche 2011Il risultato elettorale di amministrative e provinciali sembra essere davvero una ventata di buona volontà per tutta la comunità, risultato che sicuramente non accontenterà quella parte politica attualmente ancorata a vecchi schemi e “alla poltrona”.
Deludente anche per tutti quelli che, come in una curva da stadio, tifano a senso unico per una vittoria che non provano gusto ad assaporare.
Dedicare l’insieme dei risultati quotidiani a tutte quelle persone che, giorno dopo giorno, hanno creduto e lottato per dare nuova linfa a questa Italia che arranca, e che a volte sembra perdere colpi sotto il macigno di una classe politica mediocre.
Amministratori e leader che hanno mostrato scarso interesse per la cultura e per i cittadini stessi, oggi, pagano pesantemente il prezzo di una necessità di dover cambiare per forza marcia, di orientarsi e allinearsi ad una modernità europea, Milano come Barcellona, Berlino.
E’ urgente occuparsi del futuro e Napoli, l’esempio più evidente, ha bisogno di scrollarsi il passato di dosso e avviare politiche sociali mirate e collaborative, con il cittadino al centro di ogni progetto.
Siamo solo all’inizio, una delle parti difficili del percorso innovativo è stata completata, adesso arriva il più difficile, non deludere l’elettore/cittadino, ricominciare, anche da zero, con modelli qualitativi che siano da motivazione per ognuno di noi, per essere parte di un processo di cambiamento oramai irreversibile.
Non a caso “Matelica 5 Stelle” nasce ed inizia questa esperienza sulla scia del cambiamento, con obiettivi concreti e progetti da realizzare con il contributo prezioso di ogni cittadino che senta come priorità la necessità di partecipare attivamente, per un futuro che è…qui, adesso!

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink. da Matelica 5 Stelle

Una risposta a Buongiorno, Italia!

  1. Lu Viaggiatore scrive:

    Ora dobbiamo concentrarci sul secondo imminente passo. I referendum del 12 e 13 giugno. Politici e giornalisti a libro paga (tra cui scandalosamente figurano anche coloro che lavorano per il cosiddetto servizio pubblico) stanno cercando di occultare questo importantissimo evento.
    Abbiamo il dovere, come cittadini, di riprenderci il nostro territorio, di ridare il giusto senso a questa democrazia rovesciata dove la giustizia è diventata un “cancro”, dove i beni pubblici sono diventati a scopo di lucro.
    Libertà è partecipazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>