Referendum Popolari 12-13 giugno: Noi diciamo SI

La sbronza post-elettorale sta facendo passare in secondo piano i referendum popolari che si terranno nei giorni 12 e 13 giugno 2011. Si parla molto di “vento che sta cambiando” e allora facciamo sì che questa aria nuova, fresca, pulita non sia solo una brezza passeggera.
Saranno quattro i quesiti cui saremo chiamati a rispondere per decidere se l’acqua deve essere di tutti o di pochi che ne vogliono trarne profitto, per decidere se vogliamo tornare indietro di cinquant’anni e costruire nuove centrali nucleari sul nostro territorio o guardare finalmente al futuro producendo energia pulita. E infine se vogliamo che il nostro presidente del consiglio e tutti i ministri della Repubblica, presenti e futuri, siano cittadini uguali a tutti gli altri di fronte alla legge, come vuole la nostra Costituzione, oppure se essi possano esserne al di sopra.

Di seguito il riassunto e la descrizione dei quattro quesiti (fonte Wikipedia)

PRIMO QUESITO

Colore scheda: rosso

Titolo: Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Abrogazione

Descrizione: Il quesito prevede l’abrogazione delle norme che attualmente consentono di affidare la gestione dei servizi pubblici locali a operatori privati. Per saperne di più clicca qui

Chi vuole che queste norme vengano abrogate deve votare SI

SECONDO QUESITO

Colore scheda: giallo

Titolo: Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. Abrogazione parziale di norma

Descrizione: Il quesito propone l’abrogazione della norma che stabilisce la determinazione della tariffa per l’erogazione dell’acqua, il cui importo prevede attualmente anche la remunerazione per il capitale investito dal gestore. Per saperne di più clicca qui

Chi vuole l’abrogazione di queste norme deve votare SI

TERZO QUESITO

Colore scheda: grigio

Titolo: Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Abrogazione parziale di norme

Descrizione: Il quesito propone l’abrogazione in maniere definitiva delle norme che prevedono la realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare. Per saperne di più clicca qui

Chi vuole l’abrogazione di queste norme deve votare SI

Nota: Con un emendamento al decreto Omnibus 2011 il governo ha di fatto abrogato alcune norme relative alla costruzione di nuovi impianti nucleari sul territorio Italiano. Norme che sono oggetto del terzo quesito. Tuttavia il decreto concede al governo di tornare eventualmente in seguito sulla questione dell’uso dell’energia nucleare una volta acquisite “nuove evidenze scientifiche mediante il supporto dell’Agenzia per la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza, tenendo conto dello sviluppo tecnologico e delle decisioni che saranno assunte a livello di Unione Europea

QUARTO QUESITO

Colore scheda: verde chiaro

Titolo: Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale

Descrizione: Il quesito propone l’abrogazione di norme in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale che, con sentenza interpretativa del 13/01/2011 si è espressa per il mantenimento della legge abrogandone però alcune parti ritenute incompatibili con gli articoli 3 e 138 della Costituzione. Per saperne di più clicca qui

Chi vuole l’abrogazione definitiva di questa legge deve votare SI

Cittadini, indossiamo l’elmetto e riappropriamoci del nostro territorio, della nostra salute, della nostra vita e della legalità.

Bastano 4 SI, ma ricorda per far si che il referendum abbia validità deve essere raggiunto il quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto.

Passaparola!

 

Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink. da Matelica 5 Stelle

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>